Possiamo dire che pochi altri strumenti, in un settore come quello relativo alla sfera dell’informatica e dunque dei computer, hanno un grande peso e un valore quasi inestimabile come gli hard disk pur mantenendo costi di acquisto comunque contenuti. Non vi è persona al mondo che, disponendo di un computer, non sia interessato al funzionamento degli hardk disk. E voi quanto ne sapete al riguardo?

Nell’era dell’informazione, gli hard disk sono diventati molto utili a tutti, dai proprietari di computer a casa alle aziende. Ma cos’è un hard disk e come funziona? Gli hard disk sono dischi che contengono sia una memoria ad accesso casuale (RAM) che una memoria permanente come un disco rigido. La forma più comune di hard disk è l’unità a stato solido, che è anche comunemente chiamata dispositivo SCSI. L’altra forma più comune di hard disk è l’unità CD-ROM, che utilizza una forma sottile di scheda elettronica per memorizzare i dati.

Al fine di dare una definizione al disco rigido, si può anche essere interessati a sapere cos’è un hard disk in poche semplici parole. Un hard disk, a differenza di un disco ottico, non è collegato a nessun dispositivo esterno, ma piuttosto è collegato ad un solo in un supporto capace di azionarlo in modo tale da farlo fungere da strumento di archiviazione di dati e di comunicazione dei files memorizzati rispetto a tutti gli altri strumenti di hardware e software del vostro dispositivo. A differenza di un disco ottico che è costruito con un alloggiamento di vetro o plastica che protegge i dati dai danni, i vari hard disk utilizzano un case trasparente fatto di silicio. Sia i dischi rigidi fisici che quelli logici possono essere collegati alla scheda madre di un computer attraverso una connessione bus PCI, anche se solo i dischi fisici sono solitamente utilizzati in un PC desktop. Molti PC desktop contengono anche un PMU incorporato, che serve come un processore specializzato.

Anche se differiscono notevolmente nel modo in cui operano, sia le unità fisiche che quelle logiche funzionano navigando sulla superficie del disco rigido ad alta velocità, accedendo a tutti i dati in esso contenuti. Questo viene fatto dalle testine di lettura/scrittura del disco, che sono fatte di materiale semi conduttore elettricamente attivo, così da leggere i dati e poi scrivendoli sul disco vero e proprio. Anche se entrambi i tipi di unità sono simili in alcuni aspetti, entrambi differiscono anche in altri, come il loro tempo di accesso, la dimensione del settore, e la velocità della testina di lettura/scrittura. A causa del gran numero di somiglianze tra entrambi i tipi di disco rigido, comprendere sia le unità fisiche che logiche è vitale per un sistema operativo funzionale.

Per maggiori informazioni sull’argomento visita il seguente sito.